Come avviene il pagamento di un viaggio acquistato online via Evolution Travel?

Proseguiamo nel nostro appuntamento con la spiegazione dei 7 punti dell'attività di Consulente di viaggi online, concentrandoci sul 6° step: metodo di pagamento.
Più in dettaglio, oggi ci dedicheremo in particolare alla fase riguardante la chiusura della vendita.
Ciò significa che - fino a questo momento - tutto è andato per il meglio: il viaggiatore interessato a partire ci ha contattati; abbiamo stabilito una buona comunicazione tale da farci comprendere davvero le sue esigenze; abbiamo preparato e inviato il preventivo che è stato accettato, magari dopo aver risposto in maniera esauriente e professionale alle sue obiezioni.
Dunque, quello che era soltanto un potenziale cliente sta per diventare effettivamente tale.
Affinché ciò avvenga, occorrerà concludere positivamente un passaggio fondamentale: ricevere il pagamento del viaggio da parte sua.
Sembrerebbe una semplice formalità eppure, anche in questa fase, ci potrebbero essere delle insidie.

Pagamenti viaggi online

Iniziamo con il dire che i clienti Evolution Travel hanno due possibilità per pagare: tramite carta di credito e via bonifico bancario.
La prima soluzione è preferibile, in quanto più rapida per tutti, in primis per il cliente: una volta effettuata la transazione, la pratica può dirsi felicemente conclusa con la vendita.
La carta di credito dà la sicurezza che il viaggio è stato venduto nel momento stesso in cui si dà l'ok alla transazione.
Inoltre è particolarmente utile nel caso di viaggi da effettuarsi da lì a pochi giorni.

 

Nel secondo caso, dunque con bonifico, c'è bisogno di più tempo, soprattutto se il cliente non utilizza servizi di homebanking. Ciò implica che si debba aspettare qualche giorno prima che la prenotazione possa considerarsi realmente effettuata.

 

Uno dei momenti che potrebbero diventare problematici è infatti proprio questo: il cliente potrebbe temporeggiare o cambiare idea (del tutto o in parte) rispetto al suo viaggio.
Potrebbe non riuscire ad inviare il bonifico in tempi brevi (impossibilitato a raggiungere la filiale bancaria per vari motivi, ad esempio), quindi il momento della ricezione del denaro inizia ad allontanarsi.

 

C'è poi un aspetto particolare e che potremmo definire "psicologico" che potrebbe presentarsi: talvolta si è creato un rapporto così amichevole con il cliente che quasi si avverte pudore nel richiedere il pagamento.

 

E' una forma di discrezione che magari farà sorridere chi non l'ha mai provata nello svolgimento del proprio lavoro che ma che potrebbe innescarsi in alcune persone.
Occorre sempre ricordare che di sicuro coltivare un buon rapporto interpersonale è positivo, tuttavia l'obiettivo dell'attività di Consulente di viaggi è chiaramente vendere.
Il pagamento è la garanzia che ciò è appena avvenuto, ripagando così la propria preparazione, professionalità, tempo e investimento - economico e personale - complessivo.
Tenendo bene in mente ciò, si procederà con naturalezza verso la richiesta di formalizzazione del tutto, tramite carta di credito o bonifico bancario.
Soprattutto se si è all'inizio dell'attività, potrebbe essere utile richiedere il parere di un Consulenti di viaggi online di esperienza che potrà certamente consigliare per il meglio anche riguardo questo aspetto.

 

 

Pensi di avere le doti umane e relazionali giuste per diventare Consulente di viaggi online e dunque avviare la tua attività nel settore dei viaggi? Contatta Evolution Travel, iniziando a scaricare la guida per diventare consulente.

About the Author

4 Comments
  1. 9 settembre 2016 at 10:50
    Reply

    Ciao Stefania, ho letto attentamente il tuo articolo ne condivido tutto il contenuto. Vorrei però aprire una piccola parentesi sugli obiettivi che a mio parere ET dovrebbe porsi per stare al passo con i tempi: integrare nuove modalità di pagamento (sicure) al passo con in tempi. Manca oramai poco al 2017, e secondo me è inconcepibile non aver ancora integrato un metodo di pagamento come PayPal per i nostri viaggi, uno strumento sicuro al 100% (soprattuto per il cliente finale) e non a caso il più utilizzato al mondo... possiamo anche discutere per altri anni se sia meglio la cdc o il bonifico, ma ci troviamo nell'era delle frodi telematiche, dell'accesso inautorizzato ai dati sensibili online, e un buon modo per consentire al cliente più "impaurito" di tutelarsi maggiormente potrebbe proprio essere l'integrazione di una modalità come PayPal. Ti saluto

    • Stefania Bochicchio
      9 settembre 2016 at 11:08
      Reply

      Ciao Alessio, grazie per il tuo commento, hai sollevato una questione interessante e di indubbia utilità. Evolution Travel sta in effetti già valutando l'introduzione di altri metodi di pagamento, nell'ottica (come sempre) di andare incontro sia ai viaggiatori che ai Consulenti di viaggio online. A presto e buon lavoro!

  2. Marina
    9 settembre 2016 at 18:33
    Reply

    Ciao Stefania, condivido pienamente ciò che ha detto Alessio! Io perso una vendita perché non c'era paypal (ma forse l'avrei persa lo stesso) e tra l'altro ti dico che in America è quasi sorpassato da altri che fanno la stessa cosa... In più vorrei dire un'altra cosa... credo che il conto corrente straniero, per quanto riguarda i bonifici, ci abbia penalizzato. Purtroppo sia i tempi che i costi del Bonifico Sepa dipendono dal singolo istituto bancario anche se esistono delle norme generali che lo regolano. Una volta non ricordo quale banca ci ha messo più di una settimana ad accreditare i soldi... hai voglia a chiedere trn o cro... solo per quelli ci volevano 3 giorni. Volevo solo farvelo notare... Ciao!

    • Stefania Bochicchio
      12 settembre 2016 at 14:57
      Reply

      Ciao Marina, sistemi come Paypal e Skrill, che già usiamo da anni per incassare altri servizi (non viaggi), sono molto comodi, ma costano molto rispetto a quelli tradizionali, circa il 3% del transato e sui viaggi, dove il margine medio è del 10%, capirai che diventa un costo importante. Senza contare che poi sistemi come questi permettono all'utente di bloccare il pagamento e richiedere una disputa, non tramite un Giudice, ma tramite il giudizio di qualcuno all'interno di Paypal o Skrill.. Stiamo quindi valutando tutte queste questioni e fosse per noi daremmo spazio anche a Neteller e altri sistemi ancora più recenti. Per quanto riguarda il bonifico fra conti SEPA, le regole sono uguali e i costi dipendono sì da banca a banca mittente, ma sono gli stessi costi di quelli nazionali. ciao e grazie per il commento.

Leave a Comment